Giovanni Aquilecchia, I dialoghi bruniani «a cura» (o sinecura?) di Michele Ciliberto, in «Giornale storico della letteratura italiana», vol. CLXXVII, fasc. 3, 2000

       Ho ricevuto – non dalla Casa editrice, né tanto meno dal "curatore", – copia dei dialoghi bruniani «a cura» di Michele Ciliberto, pubblicati recentemente nella collana ‘I Meridiani - Classici dello spirito’ (Milano, Mondadori, 2000), la cui uscita cade a ridosso, o quasi, della pubblicazione del settimo e ultimo volume dell’ edizione critica delle ‘Œuvres italiennes’ dello stesso Bruno (Paris, Les Belles Lettres, 1993-1999), i cui testi da me stabiliti sono frutto di una ricerca durata – tenendo presenti, a non dir altro, le date di pubblicazione dei risultati, – mezzo secolo esatto. A cominciare, cioè, dalla ‘Memoria’ lincea del 1950 con cui davo notizia della scoperta di una parziale redazione sconosciuta del primo dei dialoghi bruniani (La Cena de le Ceneri) per arrivare al dicembre 1999 con la pubblicazione parigina, già menzionata, del volume ultimo delle opere italiane (De gli eroici furori). S’intende che ricerche altre da quella bruniana si sono intrecciate nell’arco semisecolare suddetto: la bruniana ha nondimeno costituito l’impegno prevalente. Quel che comporti la preparazione di un’edizione critica in genere, e delle opere bruniane in particolare, ho già detto pur recentemente in una comunicazione letta al Convegno bruniano del gennaio scorso (organizzato da Pasquale Sabbatino presso l’Università di Napoli Federico II), di cui sono in preparazione gli Atti. Nella fattispecie rilevavo il paziente lavoro di esplorazione e di collazione del maggior numero possibile di esemplari delle edizioni originali (1584-85), per le quali non si disponeva allora di cataloghi affidabili né degli strumenti tecnologici che permettono oggi un più rapido espletamento della recensio e della collatio suddetta (rese necessarie, entrambe, per la ormai nota caratteristica delle stampe cinquecentesche, e in particolare di quelle bruniane, le quali possono presentare, e infatti presentano, variazioni interne e, almeno in un caso, redazionali tra esemplari di una stessa edizione).
       Ma questo preambolo, che non intendo protrarre oltre, voleva solo servire a giustificare la mia perplessità nel leggere le poche righe con le quali nella Nota sui testi (pp. LXXXV-LXXXVI) il "curatore" del Meridiano bruniano si sbarazza disinvoltamente, e con tono per di più dismissivo, del risultato del mio lavoro semisecolare che pur viene da lui riprodotto verbatim, con l’eccezione di occasionali ‘ritocchi’ decisamente scarsi nell’ambito delle fitte 960 pagine del testo mondadoriano, nonché per la massima parte erronei o ingiustificati. Poiché le sezioni appendicolari al testo, non meno di quella introduttiva, sono debitamente attribuite ai rispettivi responsabili, se ne inferisce che l’enunciazione frontespiziale «a cura di Michele Ciliberto» si riferisca specificamente ai testi. Dei quali è detto, nel paragrafo iniziale della Nota sui testi:

Per il presente volume abbiamo scelto come testo di riferimento l’edizione dei dialoghi italiani curata da Giovanni Aquilecchia (G. Bruno, Œuvres complètes, Les Belles Lettres, Paris 1993-99). Tutti i testi sono stati riscontrati in modo sistematico con le prime stampe, ed emendati da refusi e imperfezioni che, in alcuni casi, ne compromettevano il senso. Inoltre, quando è sembrato utile ai fini di una più agevole lettura dei dialoghi, siamo intervenuti nella punteggiatura. (p. LXXXV).

       Il secondo paragrafo concerne altri «lavori» che sono stati tenuti presenti «in modo particolare». Meno complimentosi di così, difficilmente si sarebbe potuti essere nei confronti di un «testo di riferimento» in realtà riprodotto con occasionali ritocchi per la massima parte deterioranti. Segno dei tempi?
       Ma veniamo ai fatti. Da una comparazione "a tappeto" tra i testi delle Belles Lettres e quelli del Meridiano, – comparazione che non mi sarebbe stato possibile effettuare senza la collaborazione preziosa di Sabrina De Fabritiis, – risulta il quadro seguente:

B = edizioni di Bruno originali curate da lui stesso (Londra, John Charlewood, 1584/1585)

BL = voll. II-VII delle Œuvres complètes di Bruno (Paris, Les Belles Lettres, 1993-1999): testi italiani (nelle pp. dispari) stabiliti da G. Aquilecchia

MM = G. Bruno, Dialoghi filosofici italiani a cura e con un saggio introduttivo di M. Ciliberto, Milano, Mondadori, 2000 (‘I Meridiani - Classici dello spirito’)

* = alterazioni (peggiorative o migliorative) fonomorfologiche o lessicali

db = dal basso

 

La cena de le Ceneri

BL 3-25  [sezioni preliminari]
(nessun mutamento)
MM 7-17
BL 27-73  Dialogo I MM 19-39
BL 47,1 faedera
[rispetta l’oscillaz. oe/ae nel latino di B]
foedera MM 27,22
[alterazione arbitraria]
BL 75-121 Dialogo II MM 41-60
BL 55,4 considerate considerare MM 31,5
[correz. di errore tip.]
BL 101,19 difiicilmente

difficilmente MM 52,22
[ovvia correz. di errore tip.]

BL 103,21 id est
[B: forma unita in tondo cfr. MM 871,24]
idest MM 53,19
BL 123-189 Dialogo III MM 61-89
BL 137,9 db ‘de natura de natura MM 67,18
[ambiguità del titolo senza virgolette nel contesto latino]
BL 153,8 db men luminoso
(= B)

* meno luminoso MM 74,18 [alterazione arbitraria]

BL 191-231 Dialogo IV
(nessun cambiamento)
MM 91-107
Dialogo V
BL 237 [Didascalia fig. 8]

[Didascalia] MM 110

linee visuali
(=B)
linee * verticali
[erronea sostituzione lessicale]
BL 291-329 Appendici I e II
(nessun cambiamento)
MM 137-141, 145-156

 

De la causa, principio et uno

BL 3-41 [sezioni preliminari]

MM 161-179

BL 19,1
[ripetizione meccanica dell’ultimo rigo della p. 17]
MM 168,9 db
[soppressione dell’ovvia ripetiz. tip.]
BL 43-99 Dialogo I MM 181-204
BL 43,1-2 Giordano Bruno Nolano½ De la causa, principio et Uno
(=B)
MM 181 *
[arbitraria omissione del nome dell’autore e del titolo]
BL 49,5 ch’il m’io ch’il mio MM 184,3
[correz. dell’ovvio errore tip.]
BL 51,8 db venire (=B) * venir MM 184,9 db
[arbitrario troncamento della lettera finale]
BL 101-153 Dialogo II MM 205-226
BL 147,7 in certo modo
(=B)
in * un certo modo MM 224,10 db
[arbitraria inserzione di un]
BL 155-217 Dialogo III MM 227-253
BL 155,1 terzo dialogo
(=B)
* dialogo terzo MM 227,1
[inversione arbitraria]
BL 219-269 Dialogo IV   MM 255-275
BL 221,15 (Exlamatio) (Exclamatio) MM 256,9
[ovvia corr. di err. tip.]
BL 271-317 Dialogo V
(nessun cambiamento)
MM 277-296

[l’err. tip. par (per) di BL 55,10 si è conservato in MM 186,1; l’err. tip.
interderlo (intenderlo) di BL 315,1 db si è conservato in MM 295,4 db]

De l’infinito, universo e mondi

BL 3-55 [sezioni preliminari] MM 301-322
BL 5,7
[Capitano di 50 uomini d’arme]
MM 301,7
[eliminazione delle parentesi quadre frutto di misinterpretaz. tipografica di segni correttori sulle ultime bozze di BL]
BL 5,12 serei
(=B)
* sarei MM 301,12
[arbitraria alteraz. di forma etimologicamente giustificabile]
BL 57-107 Dialogo I MM 323-343
BL 57,1-2 Giordano BrunoNolano½ De l’infinito, universo e mondi (=B) * [arbitraria omissione del nome dell’autore e del titolo] MM 181
BL 83,6 db similutidine similitudine MM 334,1
[ovvia correzione di refuso]
BL 109-179 Dialogo II
(nessun cambiamento)
MM 345-374
BL 181-247 Dialogo III
(nessun cambiamento)
MM 375-402
BL 249-295 Dialogo IV   MM 403-422
BL 277,9-10 quinta assenza quinta essenza MM 414,11 [correz. di err. tipogr. ovvio nel contesto]
BL 297-373 Dialogo V MM 423-454
BL 335,21 contratio contrario MM 439,11 db 
[corr. di err. tip. ovvio nel contesto]
BL 341,7 contratio contrario MM 441,5 db [correz. di err. tipogr. ovvio nel contesto]
BL 343,8 l’ha l’ha
[ripetiz. di origine tipogr.]
l’ha MM 442,8
[ovvia soppressione della ripetiz.]
BL 345,12 l’altra: et io
(=B)
l’altra et io MM 443,6
[arbitraria soppressione dei due punti sintattico-esplicativi]
BL 351,19 suoprite scuoprite MM 455,5 db [correz. di err. di stampa ovvio nel contesto]
BL 553,22 l’uno à l’altro l’uno a l’altro MM 446,8 db
[ovvia soppressione dell’accento superfluo]

Spaccio de la bestia trionfante

BL 3-5  [sezioni preliminari] MM 457-479
BL 35,17 Alcide, dopo
(=B)
Alcide dopo MM 471,2 db
[la soppressione della virg. rende ambiguo il senso logico-sintattico]
BL 55-179 Dialogo I MM 481-532

BL 105,3 lancella  (=B)

*lancelia
[corruz. della parola resa incomprensibile]
BL 181-325  Dialogo II MM 533-593

BL 227,12 Non sì tosto

Non si tosto MM 522,15
[errore di stampa]
BL 231,13-14 «Vedo, o Momo, disse la Povertà, che tu
[involontaria omissione delle » « ]
«Vedo, o Momo,»
disse la Povertà, «che tu
MM 554,5-6
[integrazione delle » « ]
BL 257,5 db insieme. «Cossì insieme. Cossì MM 565,6
[erronea soppressione delle « ]
BL 307-505 Dialogo III MM 595-670
BL 375,11-12 è detto» rispose Giove, «Dissi è detto» rispose Giove. «Dissi
MM 615,7
[inopportuno il punto fermo: il discorso di Giove continua dopo l’inciso, con la maiusc. perché è un nuovo periodo discorsivo]
BL 377,11 cognati e ministri: onde
(=B)
cognati e ministri, onde MM 616,1
[inopportuno il cambiamento : > , (infatti i due punti hanno funzione logico-sintattica consequenziale)]
BL 459,8 «Bene», rispose Giove, «Or
[conforme ai criteri interpuntivi di BL, andrebbe soppressa la prima virgola]
«Bene», rispose Giove. «Or MM 649,5 db [erroneo il punto fermo in luogo della virgola: ne consegue che la ripresa «Or non trova referente alcuno]
BL 459,12 centotrentatre centotrentatré MM 649,2 db
[superfluo l’accento senza valore diacritico]
BL 469,16 «Venemo», disse Giove, «Venemo» disse Giove, MM 654,7
[la soppressione della prima virgola è conforme ai criteri interpuntivi di BL]
BL 477,9 db gloria».; «Ordine»
[incidenza tipogr. del punto]
gloria». «Ordine» MM 657,10 db
[erronea soppressione del punto e virgola anziché del punto fermo: l’alternanza dialogica ne risulta interrotta]
BL 499,16 fato»; Qua suggionse fato». Qua suggionse MM 666,22-23 [sostituzione del punto fermo al punto e virgola, conforme ai criteri interpuntivi di BL]
BL 503,4 Belgico domìno Belgico domino MM 667,3 db
[inopportuna la soppressione dell’accento diacritico]

Cabala del cavallo pegaseo

BL 3-49 [sezioni preliminari]

MM 672-697

BL 3,3 dell’asino cillenico: dell’asino cillenico MM 673,4
[ambiguità risultante dalla soppressione dei due punti (in luogo del punto fermo di B): i quali indicano che il descritta che segue va riferito a Cabala e non a l’aggiunta che immediatamente precede]
BL 17,2 svèlta

*svelta MM 681,1 [ambiguità risultante dalla soppressione dell’accento diacritico che indica il significato participiale (da svèllere), anziché aggettivale, della parola]

BL 51-87 Dialogo I

MM 699-714

BL 73,2 nessuna; o perché se pur
[B ha punto fermo seguito da minuscola (equivalente al moderno gola punto e virgola)]

nessuna, o perché se pur MM 708,9
[erronea la sostituzione della virgola, il quale sta a separare una ripresa logico-sintattica differenziata dal concessivo se pur]

BL 141,6 db quel che é

quel che è MM 737,13
[ovvia correz. della svista tipogr. per l’accento]

BL 145-147 Dialogo III
(nessun cambiamento)

MM 739-740

BL 149 [sonetto] a l’asino cillenico

MM 741

BL 149, v. 2 e ’n terra

e ‘n terra MM 741 v. 2
[invertito il segno dell’aferesi]

BL 151,6 sý
[difetto d’impressione]
sì MM 743,6
[ovvia correz. dell’err. tip.]
BL 170
[xilografia raffigurante due asini]

MM *[arbitraria omissione della xilografia]

De gli eroici furori

BL 3-59 [sezioni preliminari] MM 741-777
BL 11-16 Dio sia renduto
(=B)
Dio, sia renduto MM 758,2
[incoerenza della virgola con la frase precedente]
BL 15,21 amore che
(=B)
amore, che MM 759,5 db
[arbitraria la virgola tra sost. e  relativo]
BL 17,15 vita; e dopo vita, e dopo MM 760,21
[ambiguità provocata all’attenuaz. del segno interpuntivo]
BL 19,7 db donne: ma
[B ;]
donne, ma MM 761,26 [inopportuno cambiamento dei due punti con valore esplicativo]
BL 33,5-6 vegetante: ma
(=B)
vegetante, ma MM 766,4-5
[inopportuna l’attenuazione interpuntiva del contrasto con quanto precede]
BL 37,5 Nel quinto [i.e. cieco] che
(=B)
Nel quinto, che MM 768,8 db
[arbitraria la virg. tra il numerale sostantivato e il relativo]
BL 41,6 saper molto, et essere dottoresse 
(=B)
saper molto et esser MM 768 db
(arbitraria la soppress. della virg.: la seconda frase si sviluppa con indipendenza logico-sintattica]
BL 47,17 Circe dice «Prendete Circe dice: «Prendete MM 771,14
[inopportuni i due punti; non si tratta di discorso diretto, ma di reminiscenza discorsiva]

BL 47,9-8 db superiori sopra
(=B)

superiori, sopra MM 771,15
[incoerenza interpuntiva rispetto a inferiori sotto che precede]
BL 55,7 A 1, t 2 l. 2 A 1, t 2 l 2 MM 776,6
[eliminato, conforme a B, il punto abbreviativo]
BL 55,14 C 7, f 2; l 15
[; invece di , per svista tipogr.]
C 7, f 2, l 15 MM 776,11
BL 55,15 f 2 l 10: compagni f 2 l 10, compagni MM 776,12-13
[svista tipogr. : virg. invece di due punti]

BL 55, G 8, f 1, l 2 che
[omissione dei due punti per svista tipogr.]

G 8, f 1, l 2: che MM 776,14
BL 55,20 Cesa.;
(=B)
Cesa; MM 776,16
[erronea omissione del punto abbreviativo]
BL 57,2 O 8, f 2, l ultima O 8, t 2, li ultima MM 776,6 db
[integraz. della i = B]
BL 57,3-4 moto e tempo
[congiunz. trascritta conforme  ai criteri enunciati]
moto et tempo MM 776,5 db
[cong. trascritta conforme a Gentile (=B) per errore]
BL 59, v. 16] el mio
[el (=B): normale nei versi l’unione della congiunz. all’art. aferetico]
e ’l mio MM 777,16
[mancata aderenza all’usus scribendi bruniano]
BL 61,1 [prima parte] de gli prima parte de gli
MM 779
[fuorviante omissione dell’indicazione parentetica delle parole integrate]
BL 61-93 Dialogo I MM 781-794
BL 61,5 dumque atti
(=B)
dumque, atti MM 781,4
[incomprensibile l’inserzione della virg.]
BL 61,10 [tansillo.] tansillo MM 781,8
[mancata indicaz. parentetica dell’integrazione]
BL 63,18 Appresso per
(=B)
Appresso, per MM 782,5
[incoerenza rispetto a p. 781,4 db (Prima perché) e a p. 782,8 (Oltre perché)]
BL 63,2 db alte, alle quali
(=B)
alte alle quali MM 782,14
[inopportuna la soppressione della virg. indicativa dell’inizio di un inciso]
BL 65,2 Al fine nel maggior
(=B)
Al fine, nel maggior MM 782,17
[superflua l’inserzione della virg.]
BL 69,21 a torto per
(=B)
a torto, per MM 784,24
[superflua c.s.]
BL 71,12 ‘àncora’ "ancora" MM 785,10
[incoerenza nella soppressione dell’accento diacritico rispetto all’uso fattone nella prima occorrenza della parola: p. 781,14]
BL 73,11 sacerdot’ e gran pastore
=B)
sacerdot’, e gran pastore MM 786,11
[inopportuna l’inserzione della virgola]
BL 73,5 db furore e da furore; e da MM 786,16 db
[B ha il punto fermo: opportuna  l’inserzione del punto e virg.]
BL 75,6 contrarii: come have
(B;)
contrarii; come have MM 786,11db
[inopportuna la sostituzione del punto e virgola ai due punti con funzione dichiarativa]
BL 77,19 Per ‘un viso’ con cui si appaga ‘ingombra
(=B)
Per "un viso", con cui si appaga   "ingombra MM 787,8 db
[inopportuna l’nserzione della virg. che apre un inciso poi non chiuso da altra virg.]

BL 77,24 perfezzione
[=B: perfettione < perfectione(m), conforme ai criteri di trascriz.]

perfezione MM 787,3 db
[erronea riduzione della doppia, in  contrasto con i criteri adottati]
BL 79 vv. 1-2 gelosia, | m’appaga
(=B)
gelosia | m’appaga MM 788, vv. 1-2
[erronea soppressione della virg.; si tratta di vers rapportés: il verbo m’appaga è rapportato ad Amor in principio del verso precedente]
BL 79, v. 7 l’alma, | ha gioia
(=B)
l’alma | ha gioia MM 788, v. 7
[erronea soppressione della virg. c.s.; l’alma si rapporta a ha salma (cioè muore), alla fine del v. seguente]
BL 79,12 […………] ………… MM 788, v. 12
[erronea soppressione dell’indicaz. parentetica della lacuna, che indurrebbe a ritenere l’indicaz. stessa presente in B]
BL 81,5 d’accidenti alli quali
(=B)
d’accidenti, alli quali MM 789,2
[inopportuna l’inserz. della virg.  nel contesto dato]
BL 81 v. 11 e ‘l mal
[rara separaz. della congiunz. e art. nei versi; meccanica invers. dell’apostrofo]
e ’l mal MM 789, v. 11
[correz. della meccanica invers.  dell’apostr.]
BL 85, 11-12 per ciò che per ciò, che MM 790,6 db
[arbitraria l’inserz. della virgola; cfr. B: per | cioche]
BL 85,14 l’intelletto facendolo
(=B)
l’intelletto, facendolo
MM 790,3 db
[non è richiesta la virg. quando il sogg. del gerundio è lo stesso del verbo precedente]
BL 85, 17 grandezza: per il desio
[B;]
grandezza, per il desio
MM 790, 1 db
[inopportuna la sostituz. della virg. ai due punti esplicativi]
BL 89v.9 O dumque volgo vile,
(=B)
O dumque, volgo vile, MM 792v.9
[inopportuna l’inserz. della prima virg. che rende meno efficace l’esortaz.]
BL 91,6-7 ‘ha noia’
[B Ha’ Noia]
ha "noia" MM 793,8
[inesatta la citaz. che lascia fuori il verbo]
BL 91,8-9 ‘ha refrigerio’
[B Ha Refrigerio]
ha "refrigerio" MM 793,10
[inesatta la citaz. che lascia fuori il verbo]

BL 91,9 dich’io

dic’io MM 793,9
[(=B) inopportuno il mancato rendimento fonetico mediante l’aggiunta dell’h che serve a evitare la pronuncia palatale della c]
BL 95-117 Dialogo II MM 795-804
BL 95, vv. 8-9 al core, | Altr’amo
[(B al core. | | Altr’amo) per svista tipogr.  la virg. invece del punto fermo]

al core,/altr’amo MM 795 vv 8-9
[inesatta l’emendaz.: dopo core è richiesto il punto fermo, con conseguente mantenimento di Altr]

BL 99,10 Pegaseo, e per
[virg. = B]
Pegaseo e per MM 796,9 db
[arbitraria soppressione della virg., richiesta logico-sintatticamente]
BL 99,19 adesso», gli rispose Gioan
Bruno (…): «Mai fuste
[cfr. B che fa pausa con il punto fermo]

adesso» gli rispose etc.
MM 796,1 db
[erronea soppressione della virg. e conseguente ambiguità del gli rispose che appare riferirsi alla battuta che precede anziché a quella che segue]

BL 99,22 più triste sia più savio?
(=B)
più triste, sia più savio? MM 794,4
[superflua l’inserzione della virg.]
BL 101,7 db adesso» over «Giamai
[B adesso (over) giamai. La frase alternativa precedente, che pure si apre con «Giamai etc., in B è l’inserzione dei due punti]

adesso» over: «Giamai MM 798,2
[superfluo, in base a quanto  specificato nella colonna accanto, preceduta da punto fermo, sostituito in BL da due punti]

BL 103,18-19 minimamente
[lapsus di B emendato * triste in Apparato ma per inspiegabile svista mantenuto nel testo]
allegro minimamente * triste MM 798,23
BL 103,22 l’Aquilone.— Ecco

  l’Aquilone. Ecco MM 103,22
[arbitraria omissione dell’indicazione di un nuovo paragrafo in B]

BL 105,1-2 posso da quel che avete detto conchiudere
(=B)

posso da quel che avete detto, conchiudere MM 799, 1-2
[ingiustificata la virgola non preceduta da altra virg. dopo posso]

BL 105,7 stridolo, mutolo
(=B)
«stridolo», «mutolo» MM 799,6-7
[fuorvianti le virgolette, non trattandosi di citazioni letterali]
BL 105,7-8 sfavilla dal core per cura d’altrui
(=B)

«sfavilla dal core per cura d’altrui»  MM 799,7-8
[fuorvianti le virgolette, non trattandosi di citazione letterale]

BL 105, v. 5 Vòto Voto MM 799, v. 5
[soppresso l’accento diacritico, necessario specie all’inizio del verso]
BL 107,9 distrazzione
(=B - ttio -)
distrazione MM 799, 1 db
[erroneo scempiamento della cons. doppia -zzio - < - ttio -]
BL 107,9-10 l’affetto lasciando
(=B)

l’affetto, lasciando MM 800,1
[non richiesta la virg. trattandosi di sogg. + verbo]

BL 107,16 virtude quando
(=B)
virtude, quando MM 800,8
[superflua l’inserz. della virg.]
BL 109,19/111,4
[son. dialogato: versi disposti linearmente la disposizione bruniana riflessa in (=B)]

[versi disposti diagonalmente: ma BL andava rispettata] MM 802,14

BL 109,4 db Con gli occhi, de l’inferno

Con gli occhi * de l’inferno MM 801,18 db
[ambiguità creata dalla soppressione della virgola (gli occhi non sono dell’inferno, ma «de l’inferno e del ciel porte»)]

BL 111,4 db Appresso mostra
(=B)
Appresso, mostra MM 802,19
[superflua l’inserzione della virg.]
BL 111,1 db a fatto che
(=B)

a fatto, che MM 802,14
[inopportuna la virg., sia che si prenda «a fatto» avverbialmente (‘affatto’, interamente, fino a tal punto) o «fatto» come sostantivo (à des actes: traduz. Michel]

BL 119-151 Dialogo III

805-818 MM

BL 125, v. 5 casto seno, | non
(=B)

casto seno | non MM 808, v. 5
[arbitraria omissione della virg., richiesta conforme alle precedenti proposizioni introdotte da «se»]

BL 133, v. 1 suggetto. | pur

suggetto, | pur MM 811,1
[ovvia correz. della svista tipogr. di BL, dove segue infatti lettera minusc.]

BL 137,5 db con più puro occhio
[B con più puro occhi]

con più puri occhi MM 813,3
[arbitraria alterazione: si riferisce a «l’intelletto umano» (l. 2); cfr. con puro occhio intellettuale in Cabala, p. 813,3]

BL 141,8 vivente»; et

vivente», et MM 814,10
[inopportuna l’attenuaz. interpuntiva: B vivente. Et]

BL 141,17 Peripatetici
(=B)

peripatetici MM 814,10
[arbitraria la riduz. a minuscola: gli agg. sostantivati indicanti scuole filosofiche comportano la maiusc. iniziale]

BL 153-203 Dialogo IV

MM 819-839

BL 157,16 dovenne caccia
(=B)

"dovenne caccia" MM 820,3 db
[manca in B il rilievo citazionale, nondimeno opportuno]

BL 161,9 Và: più
[B Vá. piu (il punto fermo seguito da minusc. è segno interpuntivo non inferiore al punto e virgola o ai due punti]

Và, più MM 822,9
[inopportuna l’attenuaz. interpuntiva. (cfr. B)]

BL 161,12 Và: ti sia
[B Vá. ti sia]

Và, ti sia MM 822 v.12
[inopportuna l’attenuaz. interpuntiva (cfr. B)]

BL 163, v. 9 Bella fera ch’in
(=B)

Bella fera, ch’in MM 823 v.9
[arbitraria e inopportuna la virg.]

BL 195,6 (dico) che io
(=B)

(dico), che io MM 835,3 db
[superflua e inopportuna la virg. dopo l’inciso parentetico]

BL 195,20 comunmente tolta
(=B)

comunmente, tolta MM 836,12
[la virg. guasta il senso]

BL 199,4 el tenace
[(=B) consueta nei versi l’unione della congiunz. all’art. aferetico]

e ‘l tenace MM 837,4

BL 201,23 ‘ascende’

ascende MM 838,6 db
[mancato rilievo della citazione che è duplice (cfr. l. 5 db), mentre triplice è l’uso della parola nel son.]

BL 201,4-3 db quell’altezza
(=B)

* quella altezza MM 839,2
[ma nei bruniani errori di stampa (p. 776) si corregge da quella altezza in quell’altezza]

BL 205-285 Dialogo V

MM 841-873

BL 207,5 el vampo
(=B)

e ’l vampo MM 842,5
[mancata osservanza dell’uso bruniano nei versi]

BL 209,5 db che in qualumque
(=B)

che, in qualumque MM 843,11
[superflua inserzione della virg.]

BL 215,11 medecina
(=B)

* medicina MM 845,9
[arbitraria alterazione]

BL 217,6 db vola fiamma
[(B vola circa | la fiamma) caduta di circa la per svista tipogr.]
vola * circa la fiamma MM 846,13-
[integraz. della lacuna tipogr.]
BL 219 v. 4 me lice. | sia
[(B lice; | sia) ovvia svista tipogr.]

me lice; | sia MM 846, v. 4
[ovvia correz. della svista tipogr. (malgrado la lezione di B, sarebbe preferibile avere due punti nel contesto dato)]

BL 221,11-12 il sapiente [non] si muta

il sapiente * si muta MM 847,21
opportuna la soppress. del non: v.n.33.

BL 221,15 Caesar adest.

Caesar adest ? MM 847,25
(=B la sostituz. dell’interrogativo al punto fermo)

BL 223, v. 12 dòman

dóman MM 848 v.12
[erroneo l’accento acuto]

BL 223, v. 12 violenza | La
[(B violenza. | La) ovvia omiss. tipogr. del punto]

violenza. | La MM 848,12
[ovvia integraz. del punto]

BL 225,15 divina» divertendo
(=B)

divina», divertendo MM 849,10
[superflua l’inserz. della virg.]

BL 229, v. 5 infelice, ma

infelice; ma MM 850, v. 5
[no: il contrasto è ben evidenziato dalla semplice virg.]

BL 241, v. 14 martòra
[erroneo l’accento diacritico grave anziché acuto: cfr. 243,20]

martóra MM 855,14
[opportuno l’accento acuto in luogo del grave (ma cfr. 856,24)]

BL 241,4-3 db intelligenze come

intelligenze, come MM 856,2-3
[superflua l’inserzione della virg.]

BL 241,2 db tramonta per
(=B)
tramonta, per MM 856,4
[superflua l’inserzione della virg.]
BL 243,20 martóra

martòra MM 856,24
[erroneo l’accento diacritico grave anziché acuto (cfr. marturium)]

BL 245,5-4 db intelligenza la quale

intelligenza, la quale MM 857,9 db
[superflua l’inserz. della virg.]

BL 249,18 intesa non
(=B)

intesa, non MM 859,4
[superflua l’inserz. della virg.]

BL 259,14 ricchissimamente con specie smaltato
(=B)

ricchissimamente, con specie, smaltato MM 863,3-4
[superflua l’inserz. delle due virgole]

BL 263,5 db di sorte che secondo
(=B)

di sorte che, secondo MM 865,2-3
[superflua l’inserzione della virg.]

BL 267,15 splendore; che
(=B)
splendore, che MM 866,11
[ambiguità risultante dall’attenuazione interpuntiva: il che si riferisce a le due della riga precedente]
BL 267,22 varrà
(=B)

* verrà MM 866,17
[erronea emendazione dovuta a fraintendimento del varrà, che è futuro del verbo vàdere (‘andare’) risalente al sec. XIII. Cfr. BL 299,16: in entrambi i casi si tratta di verbo (pur ‘reggente’) di allontanamento (elevazione) e non di avvicinamento]

BL 271,4 stanch’e
[B stanc’e]

* stanc’e MM 868 v.4
[incauta trascrizione di B, senza aggiunta dell’h diacritica a evitare la pronuncia palatale della c]

BL 273,19 «vespertina», onde
(=B)

«vespertina»; onde MM 868,9 db
[inopportuno il rinforzamento interpuntivo, che nuoce al fluido scorrere del periodo]

BL 275,2 db seguita séguita MM 869,2 db
[opportuno l’accento diacritico, conforme ai criteri di BL]
BL 279,1 instare

instare MM 870,8 db
[ma il verbo è citato da frasi in latino (corsivo)]

BL 279,3 db dire che
(=B)
dire, che MM 871,17
[superflua l’inserzione della virg.]
BL 281,5 idest

idest MM 871,24
[va tuttavia notato che l’avv., nella forma unita, risulta assimilato al contesto in volgare fin dal sec. XIII]

BL 387 Seconda Parte MM 875
BL 287-367 Dialogo I MM 877-909
BL 287,4 db mondo è

mondo, è MM 877,14
[non richiesta la virg.]

BL 291, vv. 2-3 oscuro. | Quel
[in B il segno interpuntivo in fine di verso non risulta impresso]
oscuro | quel MM 878 vv.2-3
[non hanno senso i primi quattro versi senza l’aggiunta di un segno interpuntivo dopo oscuro]
BL 295 vv. 5-6 fama? | perch’ fama? | Perch’ MM 880 vv.4-5
[non richiesta la maiuscola: la seconda domanda è concettualmente e verbalmente legata alla prima (Or chi ¼ | d’un ossequio divin credrà men degna, vv. 1-2 – chi pensarà giamai che men convegna, v. 6 ]
BL 295, v. 17 tormento."
[svista tipogr. per tormento».]
tormento». MM 880,17
[correz. della svista tipogr.]
BL 295,3 db spirituale di cui
(=B)
spirituale, di cui MM 880, 6 db
[non necessaria l’inserz. della virg.]
BL 299,16 varrà
[(=B) cfr. BL 267,22]
*verrà MM 882,7
[erronea ‘emendazione’ per la quale si veda la didascalia a MM 866,17]
BL 303,13 quodcunque
(=B)
quodcumque MM 883,7 db
[arbitraria banalizzazione della genuina grafia bruniana]
BL 309,1 db megistani, satrapi megistani satrapi * MM 886,8db
[(B Megistani Satrapi) ma, come indica la maiusc. in B, «megistani» non è aggettivo, sibbene sostantivo: cfr. il greco , a indicare il ceto dei magnati: andava dunque inserita la virg. tra le due parole]
BL 313, v. 1 santo
[(=B, dove termina però alla fine del margine destro della colonna tipogr.)]
santo, MM 888, v. 1
[opportuna l’aggiunta interpuntiva a fine verso]
BL 319,21 cassum?’ cassum»? MM 890,23
[erroneo l’interrogativo al di fuori delle virgolette, in quanto è parte della citaz.]
BL 325, v. 5 fàccian faccian MM 892,7
[ma l’eliminazione dell’accento attenua il valore imperativale del verbo, a non dire della funzione diacritica (a evitare una possibile lettura facciàn, facciamo, fuori contesto)]
BL 325, v. 16 èmmi emmi MM 893, v. 16
[inopportuna la soppressione del rilievo verbale]
BL 325, v. 17 potente, e
(=B)
potente e MM 893, v. 17
[inopportuna la soppressione della virgola, la quale vale a rilevare il rapporto verbale/aggettivale dei vv. 16-17]
BL 329 v.12 non/v.15 se Non/Se MM 894, vv.12/15
[correz.delle due iniziali minusc.]
BL 337, v. 3 el ch’è
(=B)
e ’l ch’è MM 897, v. 3
[ma non rispetta il già rilevato uso bruniano in poesia]
BL 337,21 idest
(=B)
idest MM 897,10 db
[ma vedi didascalia a MM 871,24]
BL 341, 2-1 db Apollo che
(=B)
Apollo, che MM 899,12 db
[ma il pron. è direttamente riferito al nome che precede: se mai la virg. andrebbe posta dopo e non prima del pron.: ma nuocerebbe alla scioltezza del parlato]
BL 349 v. 12 terr’, e i ceti
(=B)
terr’ e i ceti MM 902 v. 12
[inopportuna la soppressione della virg.: i ceti non è correlato a terra]
BL 361 v. 2 frale | vago
(=B)
frale, | vago MM 907 v. 2
[ma la lezione originale è sostenibile]
BL 363,4 db altro l’ignoranza
(=B)
altro, l’ignoranza MM 908,13
[superflua la virg.]
BL 365,23 sente. — Queste sente. Queste MM 909,2
[ma in B c’è un ‘a capo’ con il nome (superfluo) Cesarino: lo stacco paragrafico andava indicato almeno con un tratto lungo (qui erroneamente omesso)]
BL 385,21-22 incorrottibile è cosa
(=B)
incorrottibile, è cosa MM 918,3-4
[superflua l’inserz. della virg.]
BL 391,16 molti dumque che
(=B)
molti dumque, che MM 920,18
[superflua l’inserz. della virg.]
395,2 db MARICONDO.
(B MAR. la cui forma esplicita, nel dial. II, è però con la desinenza in -A)
MARICONDA MM 922,2 db
[corretta la desinenza in -A]
BL 397-425 Dialogo III MM 923-934
BL 399,14-15 per consequenza per ministerio de gli occhi
(=B)
per consequenza, per ministerio vien de gli occhi, vien MM 924,4-5
[superflua l’inserz. delle due virgole]

BL 399, 1 db core come
(=B)

core, come MM 924, 17-18
[superflua l’inserz. della virg.]

BL 405, v. 1 Ahi cor, Ahi, cor, MM 926, v. 1
[superflua, e implicante un’attenuazione dell’apostrofe, la prima virg.]
BL 415, v. 2 L’émpito
[=B, ma per svista tipogr. non si è qui ridotta la maiuscola in principio di verso]
l’émpito MM 929,1 db
[opportuna la riduz. della maiusc.]
BL 415, v. 9 dìnne dinne MM 429-430, v. 2
[inopportuna la soppressione del rilievo imperativale]
BL 427-467 Dialogo IV MM 935-950
BL 439 v. 7 male? | lasso male? | Lasso MM 939 v. 7
[la maiusc. nuoce alla continuità monologale: infatti ha qui inizio la risposta di chi ha posto la domanda]
BL 439 vv. 8-9 vinta. | fate
[la minusc. per svista tipogr.]
vinta. | Fate MM 939 v. 9
[ovvia correz. della svista tipogr.]
BL 445 v. 6 servo: | E
[la maiusc. per svista tipogr.]
servo: | e MM 941. l.6 db
[ovvia correz. della svista tipogr.]
BL 469-493 Dialogo V MM 951-960
BL 469,3 Laodamia
[per svista tipogr.; B Laodomia]
Laodomia MM 951,3
[correz. della svista tipogr.]
BL 471,22 tocchi tòcchi * MM 952,16
[erroneo l’accento diacritico, che dovrebbe essere acuto: tócchi, cioè ‘toccati’, e non tòcchi (‘parti staccate dal tutto’)]
BL 475, 4-3 db piaga; |Se
[la maiusc. per svista tipogr.]
piaga; se MM 954,8
[ovvia correz. della svista tipogr.]
BL 479,12-13 acquisti | Or acquisti. |Or MM 955,16-17
[ovvia terminaz. con il punto fermo alla l. 12]
BL 485,6 db Come a vicenda il dì
(=B)
Come a vicenda, il dì
MM 957,3 db
[superflua l’inserzione della virg.]

       Infine MM omette arbitrariamente il rilievo tipografico (in B espresso con due fasce ornative e in BL espresso con due linee di cinque stellette) che distingue i componimenti poetici ‘primari’, commentati nelle sezioni prosastiche, da quelli ‘secondari’ (dello stesso Bruno o del Tansillo) che hanno invece essi stessi funzione esplicativa.
       Si nota inoltre in MM un preponderante arbitrario livellamento della disposizione metrica dei versi sullo schema di due quartine e due terzine di contro alla varietà bruniana (che include la da tempo ormai osservata adozione della ottava ‘toscana’ in luogo delle due quartine nel maggior numero dei sonetti ‘primari’, anche se non sempre l’unità dell’ottava venga dall’autore riflessa nel raggruppamento dei versi): varietà rispettata in BL, conforme alla percezione metrica autoriale.
       In conclusione, il testo critico offerto da BL risulta di gran lunga più corretto del medesimo testo quale riprodotto da MM: BL rimanendo inoltre, a questa data, l’unica edizione critica esistente dei dialoghi italiani di Bruno.
       Dall’analisi comparativa che precede risulta in MM un totale di oltre centotrenta interventi ‘negativi’ (erronei, arbitrari, inopportuni o superflui) di contro a non piú di trenta giustificabili (nella quasi totalitá correzioni di banali lapsus tipografici), a non dire di cinque ‘indifferenti’. Oltre la metá delle pur minori discrepanze tra BL e MM occorrono nell’ambito dell’ultimo dialogo della serie, De gli eroici furori. La cosa è forse spiegabile per il fatto che quest’ultimo dialogo è stato pubblicato da BL solo nel dicembre 1999, quando i responsabili di MM dovevano aver già iniziato la stampa adottando per l’ultimo dialogo una precedente edizione (evidentemente inadeguata). All’ultimo momento ci si deve essere trovati nella necessitá di adeguare quest’ultima sezione al resto del volume, ricorrendo al testo critico, fresco di stampa, delle Belles Lettres. La fretta deve aver fatto tralasciare, rispetto al testo critico suddetto, l’eccessiva virgolazione preesistente, quasi tutta superflua e non di rado perfino fuorviante. Se pur nei luoghi indicati deteriorato, il testo del ‘Meridiano’ mondadoriano è tuttavia il testo critico da me stabilito per le Belles Lettres, e non si vede come possa essere moralmente legittimo definirlo «a cura» di qualsivoglia altro studioso.
       Ciò dispiace, naturalmente, per il mio lavoro semisecolare, il quale meritava forse maggior rispetto. Dispiace anche per lo stesso Ciliberto, il quale non necessitava di mettersi in una tale situazione (specie quando l’UTET aveva preannunciato il rilancio dei testi critici parigini da me stabiliti e dei relativi commenti traslati in italiano). Dispiace soprattutto per i giovani studiosi, ai quali non può certo giovare il modello di mal dissimulate scorciatoie che inevitabilmente conducono a risultati così poco edificanti.

 

Post scriptum - Incautamente, a giustificazione del proprio operato, Michele Ciliberto afferma su il Manifesto del 5 luglio 2000: «Quanto al mio procedimento, è lo stesso che, senza sollevare obiezioni, ha eseguito, ad esempio, Marco Santagata nel suo Meridiano petrarchesco riferendosi al testo di Contini»; spiegando inoltre: «Non ho fornito la lista degli interventi perché quella del Meridiano è una edizione divulgativa, destinata ad un largo pubblico». In realtà, nella Nota al testo del ‘Meridiano’ Francesco Petrarca, Canzoniere a cura di Marco Santagata (Mondadori 1996, pp. clxxxi-clxxxv) il curatore dichiara in modo esplicito che la sua edizione «è sostanzialmente esemplata su quella di Contini 1964, tenendo conto, però, delle successive vicende editoriali» (pag. clxxxi, paragrafo 1), delle quali vicende egli fornisce dettagliate indicazioni testuali (paragrafi 3-8), per elencare infine tutte «le modifiche da lui introdotte» nella sua edizione, incluse quelle interpuntive (p. clxxxv, paragrafo 9). Esattamente l’opposto, cioè, di quanto affermato da Ciliberto su il Manifesto, nonché di quanto effettuato nella Nota sui testi del suo ‘Meridiano’ bruniano. Ancora una volta: segno dei tempi?